Panorama sul Baseball per Ciechi con Sarwar Ghulam

Nell'immagine di copertina una foto di Sarwar Ghulam mentre corre verso la prima base.

 

Siamo a bocce ferme, aspettiamo tutti di tornare in campo, il suono delle battute, i tuffi, le prese al volo, fanno parte del DNA di ogni appassionato.Ho il piacere di porre alcune domande ad una delle stelle del campionato italiano di baseball per ciechi e sicuramente uno dei giocatori più forti, vincitore dell’Home Run Derby nel 2019, capitano e punto fermo della Leonessa Brescia, Sarwar Ghulam ci racconterà questo 2020.


In attesa che la situazione migliori, in Italia, come sarà il campionato quest’anno?

“Allora sperando in tempi migliori il campionato al momento non si conosce la sua struttura, si dovrebbe cancellare la Coppa Italia che di solito facciamo tra settembre ed ottobre, e magari fare dei diversi gironi per ridurre i tempi, e terminare nella metà di ottobre.
Il problema è che al momento non è ancora chiara la situazione sanitaria in Italia, sopratutto qui a Brescia, e bisogna trovare una formula che sia condivisa da tutti. Sopratutto abbiamo il problema dei campi che sono condivisi sia da noi che da altre realtà, bisognerà lavorare per far quadrare ogni aspetto.”


Il BxC è in pieno sviluppo in Italia, è stato fatto un ottimo lavoro sia AIBXC che dalla FIBS, con diversi riconoscimenti, come vedi il futuro per il BxC?


“Assolutamente, la Associazione Italiana Baseball per Ciechi ha fatto un grande lavoro, ha portato il BxC come un prodotto Made in Italy in tutto il mondo. Assolutamente con il supporto ed entrare nella FIBS è stata una grande spinta per tutto il nostro movimento, merito della FIBS che per il futuro ci darà una mano. Parlo anche come membro del Comitato Tecnico, consapevoli di aver fatto un gran lavoro, supportati dalla FIBS, per sviluppare il BxC in Italia e nel mondo.”

 

Nota dolente, nell’estate dello scorso anno il campo di baseball di Brescia è stato chiuso come è adesso la situazione?

“Purtroppo è una situazione drastica e brutta, in teoria a settembre del 2020, il campo di Brescia, doveva sparire del tutto questo campo perché veniva costruito una parte dell’Università di Brescia che ne è proprietario, bisogna sperare nell’aiuto del Comune che possa trovare un altro sito idoneo. Sarà da vedere perchè bisogna vedere se il CUS di Brescia ha intenzione di fare la squadra per fare la serie A2 di baseball o non vorrà continuare. Inoltre vi è un altra società il Brescia Baseball che aveva il mini baseball e le altre categorie giovanili, non so al momento che programmi abbiano senza la possibilità di utilizzare il campo.
Parlo per la Leonessa Brescia, in qualche modo lotteremo con il Comune di Brescia, per avere quanto prima uno spazio, anche un campo più piccolo per il Baseball per Ciechi o almeno per il softball e per le attività giovanili.
Questa storia è una batosta che avuto tutto il movimento del baseball a Brescia, sono trent’anni che hanno lavorato facendo un gran lavoro, così in breve tempo viene gettato via tutto il lavoro ed i sacrifici fatti, in una città come Brescia che non ha dato tanti aiuti, si è riusciti ad avere diverse squadre sia di baseball che di softball.”


Quali sono i tuoi programmi ed obiettivi futuri?


“Almeno si spera come Leonessa Brescia di fare qualcosa, nonostante la difficile situazione odierna, ed attendere la definizione del campionato italiano. Abbiamo voglia di tornare in campo quanto prima.
Inoltre da un anno faccio parte del Comitato Para-olimpico che è stato creato all’interno del WBSC e insieme a Lorenzo Vinassa stiamo facendo tanto lavoro all’estero per esempio a breve verrà annunciata una Lega BxC in Inghilterra, dove in un poco tempo sono riusciti grazie al nostro supporto, a creare delle squadre.
Inoltre negli Stati Uniti sono nate in poco tempo già due squadre qui grazie al grande lavoro fatto dal nostro amico Matteo Briglia.
Abbiamo organizzato nella prima settimana di settembre un Torneo Internazionale in Germania e dovevano partecipare 6 nazioni con la partecipazione di Italia, Francia Germania, Inghilterra e una squadra americana ed una squadra pakistana, però adesso bisogna ridurre per i problemi burocratici di americani e pakistani, questa è la Mole’s Cup, scorso anno disputata a Roma.
Stiamo lavorando in Austria abbiamo in programma una presentazione per fine Giugno inizio Luglio. Si sta facendo un gran lavoro in Argentina dove sono andati due nostri tecnici, e dopo un periodo di stop ora abbiamo un nuovo contatto per proseguire l’attività. Inoltre erano in programma dei viaggi in Giappone ed Australia ma al momento questi progetti sono stati rimandati a fine 2020 o inizio 2021.”


Non resta che aspettare il prossimo fuoricampo di Sarwar Ghulam.

 

16 aprile 2020

Massimo Moretti